Vai al contenuto

Quelli che all’asta comprano rari pezzi del ‘700. Grande ebanisteria? No bottiglie di vino

marzo 10, 2012

di Luigi Salvo
Le grandi aste di vini mi hanno sempre incuriosito, l’ultima veramente importante alla quale mi sono trovato è stato qualche anno fa a Parigi organizzata dal celebre ristorante La Tour d’Argent che mise in vendita ben 18.000 bottiglie provenienti dalla prestigiosa collezione della sua cantina. Qualche giorno prima dell’evento ero stato a cena nello storico locale di fronte alla cattedrale di Notre Dame de Paris, realmente storico visto che l’anno d’inizio della sua attività risale al 1582. Ambiente estremamente raffinato, oltre ai piatti ed al servizio mi colpì in modo particolare la luce soffusa del locale, quasi dorata creata dai singoli lumetti posti su ogni tavolo. La sterminata cantina costava di oltre 45000 bottiglie, la vendita di parte della collezione è servita al rilancio del locale, pensate che il ricavato è stato di 1,54 milioni di euro. La bottiglia più cara venduta è stata il Fine Champagne Clos du Griffier, imbottigliato nel 1788, che è stato acquistato dal francese Raphael Zier per la cifra di 25.000 euro.

I vini di lungo e lunghissimo invecchiamento hanno un grande fascino al quale tanti appassionati non riescono a resistere, in realtà spesso queste bottiglie costosissime non vedranno mai l’ombra del cavatappi, sono veri e propri feticci, il paradosso è che per molti il piacere di possedere la bottiglia supera quello di gustarne il contenuto.
Volete entrare nel magico mondo delle aste? Appuntamento il prossimo 13 Marzo a Firenze a Palazzo Ramirez Montalvo  con i vini pregiati e da collezione di Pandolfini, tante le nobili etichette: varie annate di Supertuscans, dal Sassicaia, al Solaia, Tignanello, Ornellaia, Masseto, ci saranno poi importantissimi Brunello, varie ed antichi millesimi dei classici dell’enologia piemontese.

Pronti ad investire? Ecco un esempio di alcune delle bottiglie francesi in asta da comprare:
La Tâche Grand Cru 2004 Romaée-Conti con base d’asta fissata a 700/800 euro, Corton-Charlemagne Grand Cru 2006 di Coche Dury base d’asta 850/950 euro, Musigny Grand Cru 2005 di Roumier base d’asta 2.500/3.000 euro, Montrachet grand Cru del Domaine Leflaive 2009 base d’asta 2.400/2.800 euro, Chambertin Clos de Bèze Grand Cru di Armand Rousseau base d’asta 1.500/1.600 euro, 2 bottiglie di Romanée-Conti 1970, Echézeaux e Grands Echézeaux base d’asta 500/600 euro, 2 bottiglie di Romanée-Conti 1967, La Tâche e Romanée-Saint-Vivant prezzo di partenza 1.000/1.100 euro, 3 bottiglie di Gevrey-Chambertin Clos St. Jacques di Rousseau, 1991-1990-1985 base d’asta 1.100/1.200 euro, 12 bottiglie di Château Lafite Rothschild 1986 base d’asta 13.000/14.000 euro, 12 bottiglie di Château Mouton Rothschild 1986 base d’asta 9.000/10.000 euro. 

Purchè giuriate di aprirne qualcuna prima o poi!!

About these ads
5 commenti leave one →
  1. marzo 10, 2012 2:14 pm

    Stranamente parlavo di questa cosa proprio pochi giorni fa. Concordo con quello che dici e quando penso a bottiglie di enorme valore, mi viene sempre in mente “l’uomo che non reggeva l’alcol” di maccio capatonda (lo trovi su you tube), conosci?
    ecco… a me capiterebbe di sicuro! :-)

    • luigisalvo permalink*
      marzo 10, 2012 4:41 pm

      …che forte!!! ..
      credo sia necessario porre molta più attenzione nel maneggiare questi gioielli.
      Chi ama il vino conosce anche il giusto momento nel quale berlo.

  2. efi permalink
    maggio 7, 2012 7:18 am

    ciao vorrei vendere vini da collezione ma non riesco a venderle su altri siti mi date una mano grazie vi lascio anche dei nomi :melini 1961,beaujolaio 1964
    barolo 1964,sassella 1964,affentaler spàtburgunder 1971,cinque terre,boda amarone 1962,cattinara 1961,nasco di sardegna,spanna traversagna 1954,
    barbera franco fiorina,spanna casa vinicola,barolo 1964,spanna 1964,barolo 1959,borsento rubino puglia,rosatello,barbera d’asti,san lorenzo(merlot) 1973,
    la delizia(rosa),barbaresco,castellana grotte,barbera 1979,verdeca 1936,sansalvador 1964 sono 2 bottiglie,barbera piemonte,briolio vinsanto 1962,
    lison rosè,barbera 1973,barolo 1969. grazie mille

  3. Ruben permalink
    maggio 18, 2012 5:12 pm

    Buona sera, sono da anni in possesso di un BAROLO, VITIGNO SANT’ AMBROGIO EREDI LODALI DEL 1980, produzione di 8600 bottiglie, io ho la numero 8256.

    Se di suo interesse, mi risponda.

    Distintamente saluto

    Ruben

  4. Paul permalink
    maggio 24, 2013 5:22 pm

    Salve io posseggo 3 bottiglie di Don Paolo introvabile Supertuscan N1 N2 N3 vendo per Euro 12.500 la produzione nel 2006 è stata solo di 100 bottiglie.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...