Skip to content

Un grande Pinot Bianco che in Alto Adige è chiamato Weissburgunder

luglio 6, 2012

di Roberto Gatti
E’ veritiera e corrispondente alla realtà l’affermazione che in Alto Adige si trovano vini bianchi che possiamo di diritto annoverare tra i migliori d’Italia e non solo. Devo subito aggiungere ad onore del vero, che per esperienza personale acquisita sul campo, ho imparato e molte volte ho scritto, che questi vini bianchi danno il loro meglio almeno dopo un anno di sosta in bottiglia. Il vino in questione è della vendemmia 2010 quindi ha già oltre un anno d’affinamento in bottiglia, ed ormai sappiamo benissimo come la sosta in bottiglia possa fare anche veri e propri miracoli. Tra i vitigni che in Alto Adige si esprimono al meglio vi è il Pinot Bianco.
Il vitigno originario della Germania in Alsazia si ottengono grandissimi vini, si è diffuso negli Stati Uniti, in America Latina ed Australia. In Italia ha trovato ottimo terroir in Toscana, Friuli, Lombardia in Trentino e in Alto Adige appunto.

Ecco una grande espressione di Pinot Bianco dell’Alto Adige come poche volte mi è capitato di incontrare, il vino in questione è della vendemmia 2010 quindi ha già oltre un anno d’affinamento in bottiglia, ed ormai sappiamo benissimo come la sosta in bottiglia possa fare anche veri e propri miracoli. Questo vino in ogni competizione nazionale ed internazionale sicuramente si aggiudicherebbe la medaglia d’ Oro. 

K.Martini & Sohn
Pinot Bianco
Weissburgunder Doc Sudtirol-Alto Adige Lamm 2010
Paglierino chiaro, naso intenso con note minerali in evidenza, piacevole con richiami a fiori bianchi quali il biancospino e note agrumate, ma è in bocca che letteralmente “ esplode “ con tutta la sua intensità, pienezza, gradevolezza : frutto fresco di pesca noce, armonico, nota minerale/iodata in evidenza; espansione “ a ventaglio “ nel centro bocca, giustamente caldo, intensissimo con una persistenza aromatica finale ( Pai ) lunghissima. Eccellente ( 94/100 )
Con un ulteriore anno di sosta in bottiglia raggiungerà sicuramente il top.

Chapeau a questi bravi viticoltori altoatesini.

About these ads
2 commenti leave one →
  1. Nino Cavataio permalink
    luglio 7, 2012 3:12 pm

    Ciao Roberto.
    E’ sempre un piacere leggere i tuoi articoli, siano essi frutto di degustazione o semplicemente commenti e analisi.
    Sicuramente cercherò il vino che hai segnalato, anche perché il Pinot bianco è tra i miei “bianchi” preferiti. Proprio per questo, se permetti, vorrei segnalarti un altro ottimo Pinot bianco (a meno che tu non lo abbia già assaggiato) sempre del Trentino. Si tratta del Pinot bianco Presulis dell’azienda Gumphof di Novale di Presule.
    A presto

  2. luglio 8, 2012 8:51 pm

    Ciao Nino e grazie della segnalazione, no questo Pinot Bianco ancora non l’ho assaggiato, ti assicuro che sono ancora tantissimi. Farò il possibile per degustarlo e magari recensirlo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...