Vai al contenuto

Alla scoperta dei vini della Repubblica Ceca, grandi bianchi e ottimi rossi

settembre 10, 2020

di Luigi Salvo
La viticoltura nella Repubblica Ceca ha radici che affondano nel tempo, oltre duemila anni fa la coltivazione della vite era molto diffusa, l’arrivo della fillossera sul finire dell’800 causò grandi devastazioni in tutta Europa e non risparmiò il vigneto ceco riducendolo nel giro di pochi anni a circa 4000 ettari, si dovette arrivare fino alla prima metà del 1900 perché la viticoltura tornasse ad occupare un ruolo importante.

Oggi il vigneto ceco è di circa 18.000 ha e sono presenti oltre 60 diverse varietà, gode di condizioni climatiche favorevoli simili all’Alsazia, predominano i vitigni a bacca bianca con più dei due terzi dell’intera superficie vitata. Le uve più diffuse sono tra le bianche Grüner Veltliner, Müller Thurgau, Riesling, Pinot Gris, tra le rosse Frankovka, Svatovavřinecké / Saint Laurent, Zweigeltrebe, Pinot Nero. Esistono anche diversi vitigni autoctoni, il Moravia Muscat, il Pálava, l’André e il Neronet.

Tra gli aspetti più professionali per i giudici del Concours Mondial de Bruxelles c’è la scoperta del territorio vinicolo e dei vini del paese ospitante in press tour di grandissimo interesse.
Non nascondo che in alcuni casi i vini cechi mi hanno entusiasmato soprattutto quando, ormai nella maggior parte dei casi, il contenuto zuccherino è giustamente calibrato non più di 3°grammi litro e gli aromi dei vitigni bianchi sono piacevolmente espressi. Per i rossi, oltre ai classici internazionali, belli e particolari gli autoctoni con il legno calibrato e non invasivo.

Il successo della viticoltura della Repubblica Ceca, oggi sul territorio vi sono 850 aziende vinicole, è dovuto alle tecniche di coltivazione in vigna ed alle moderne tecnologie ecocompatibili, i vini in questi anni si sono sempre più affermati ottenendo prestigiosi premi nei concorsi internazionali.
Lo stile dei singoli vini è frutto di un mix variegato influenzato dal terroir, dalle varietà di uve e dai diversi vignaioli che interpretano la tradizione e la modernità.

La superficie vitata della Repubblica Ceca è concentrata nella regione della Moravia per circa il 96% e solo per il 4% è presente in Boemia, all’interno di queste troviamo 6 sottoregioni: in Moravia Znojemská, Mikulovská, Velkopavlovická e Slovácká, in Boemia Mělník e Litoměřice.

Il segreto è che la Moravia ha splendide condizioni climatiche ed è una zona ideale per la produzione di bianchi freschi e dagli aromi piacevolissimi, ma anche i rossi da qualche anno stanno raggiungendo ragguardevoli livelli di qualità, in totale vi sono  17.421 ettari di vitati dislocati in 308 comuni vinicoli e 1.142 vigneti, gestiti da quasi 18.102 viticoltori, la maggiore estensione è nella sottoregione di Velkopavlovická, i comuni più grandi del vino sono Velké Bílovice, Valtice e Čejkovice.

Alcuni tra i vini cechi più interessanti degustati

Ecco il punto sulle principali zone:
La sub-regione vinicola di Znojemská riguarda la parte occidentale della Moravia meridionale è vocata per i grandi bianchi da Grüner Veltliner, Müller Thurgau, Sauvignon Blanc e Riesling, si esprimono bene Moscato Traminer, Muscat Ottonel, Pinot Bianco, e Pinot Grigio, tra i rossi Frankovka, St. Laurent e Blauer Portugieser.

La sub-regione vinicola di Mikulovská è ricca di Grüner Veltliner, Riesling, Sauvignon Blanc, Pinot Bianco e Pinot Grigio, Chardonnay, Pálava , Neuburger e Sylvaner con le denominazioni VOC Mikulov, VOC Pálava e VOC Valtice.

Un ottimo Grüner Veltliner

La sub-regione vinicola Velkopavlovická si estende da Brno a Židlochovice, Hustopeče, Velké Bílovice e Velké Pavlovice, ho assaggiato degli splendidi bianchi da Grüner Veltliner, Müller Thurgau, Welschriesling, Pálava, e Traminer, ma anche interessantissimi rossi da Frankovka e St. Laurent, Pinot Nero, Cabernet Sauvignon e Neronet.

La sub-regione vinicola Slovácká a Sud-Est è al confine con Slovacchia e Austria, espressivi i Müller Thurgau, Riesling, Pinot Bianco, Grüner Veltliner Pinot Grigio, Moscato della Moravia, Frankovka, Cabernet Sauvignon, Pinot Nero.

Un momento del press tour in cantina

I vigneti della Boemia sono tra i più a nord d’Europa, è divisa nelle sottoregioni di Mělnická e Litoměřická, comprende 643 ettari di vigneti, 72 comuni vinicoli e 152 vigneti, gestiti da circa 150 coltivatori. In Boemia le varietà rosse sono predominanti, ottimi Pinot Nero, St. Laurent e Blauer Portugieser, tra i bianchi si distinguono Müller Thurgau e Riesling.

 

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...