Skip to content

L’esclusivo Tasting del Cortina Wine Club

gennaio 2, 2014

esclusivo Tasting del Cortina Wine Club homedalla redazione
Sabato 28 dicembre presso casa Montanari a Cortina d’Ampezzo si è tenuto il primo atteso appuntamento del Cortina Wine Club, associazione che ha lo scopo di unire gli enoappassionati per diffondere con seminari e degustazioni la conoscenza di vini unici al mondo, provenienti da luoghi estremi e frutto, in molti casi, di ricerche e sperimentazioni destinate a fornire nuovi strumenti alla viticoltura.

Tre le eccellenze enologiche degustate dai soci del club, a cui si sono uniti alcuni protagonisti, italiani e stranieri, del mondo del vino. Il Vidal Icewine Blanc 2009 di Goran Amnegard, della cantina svedese Blaxsta, vino straordinario che nel 2012 ha ottenuto 99,5/100 al Decanter Wine Challenge e che vanta anche il primato di “vino più a nord d’Europa”.
Quindi la seconda annata di Venissa, progetto di recupero da parte della famiglia Bisol dell’antica vigna murata, dove è stata piantata la Dorona, vitigno autoctono a bacca bianca tipicamente veneziano, coltivato fin dal XV secolo e perso nei secoli. §
Infine lo Sforzato della Valtellina 2010 della cantina La Perla di Marco Triacca, esempio di una eroica viticoltura di montagna che interpreta il vitigno Nebbiolo con una marcata impronta del terroir.

Il Cortina Wine Club, fondato da me, Maria Pia Montanari e Fabrizio Zardini vuole unire gli enoappassionati con la missione di diffondere la conoscenza enologica – spiega Gianluca Bisol – Questo è stato il primo di una serie di appuntamenti che vedranno protagonisti vini eccellenti, coltivati in luoghi impervi ed estremi. Selezioniamo vini unici e rari, prodotti in numero limitato. Si tratta di un progetto originale, ambizioso e di respiro internazionale, che mira a sviluppare e valorizzare uomini coraggiosi e storie di vite veramente eroiche”.

fabrizio zardini giornalevinocibo

Nei prossimi appuntamenti potremmo degustare anche il vino prodotto da Vigna 1350 di Cortina d’Ampezzo, impianto sperimentale alle falde del monte Pomagagnon, attualmente il vigneto più alto d’Europa.

Quest’anno abbiamo fatto delle microvinificazioni con uve perfettamente mature e con l’annata 2014 prevediamo di esordire con una produzione di una certa consistenza”, assicura Fabrizio Zardini, enologo ampezzano, già consulente di cantine in Italia e all’estero che, insieme a Francesco Anaclerio del Centro Sperimentale Rauscedo e ad alcuni amici, ha dato vita al progetto 1350, che assieme a Venissa, rappresentano le due vigne fondatrici di questo esclusivo club.

La prima degustazione del club si è conclusa con la presentazione da parte di Alfonso Sidro di nuove tecnologie per la viticoltura di precisione: i droni, strumenti di grande precisione, silenziosissimi e a impatto ambientale zero. L’azienda APVServices di Belluno è leader in Italia per la progettazione e lo sviluppo di questi nuovi strumenti.

Oltre 40 prestigiosi ospiti hanno partecipato a questo primo esclusivo tasting nella conca Ampezzana presso la casa di Maria Pia Montanari, presidente del Cortina Wine Club, promotrice della cultura enogastromica del made in Italy con il marchio TasteinCORTINA e raffinata padrona di casa, che al termine della degustazione ha offerto una cena dedicata alla cucina di pesce delle regioni italiane e a tipicità gastronomiche, come i taralli e gli scaldatelli di Gerardo Campaniello.

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...