Skip to content

Le Contrade dell’Etna 2014, i 30 migliori assaggi di questo fantastico comprensorio

aprile 25, 2014

le contrade dell'etna 2014 homedi Luigi Salvo       article in english
E’ il settimo anno consecutivo che alle Contrade dell’Etna ho l’opportunità di assaggiare tutta la produzione etnea in tutte le sue sfaccettature, spumanti, bianchi, rosati e rossi provenienti dalle varie contrade nei vari versanti del vulcano, dell’ultima annata e delle annate precedenti, il quadro pur essendo sempre in costante evoluzione appare sempre più netto e marcato.

“ Le Contrade” è sempre un interessantissimo focus, è cambiato davvero tanto dalla prima edizione del 2008, allora le aziende presenti al tasting erano solo 38, oggi oltre 80. Nella prima edizione nel salone della cantina di Passopisciaro di Andrea Franchetti eravamo poco più di 300 addetti ai lavori,  di anno in anno il numero delle presenze è sempre cresciuto, nel 2014 nella nuova location della cantina di Alberto Graci sono state oltre 2000.

Tanti dei vini presenti, nelle diverse tipologie, mostrano una crescita qualitativa comune e sono davvero interessanti e rappresentativi del territorio, altri sono di buon livello, anche se a dire il vero qualcuno mostra caratteri fuori registro e non proprio consoni al terroir dal quale deriva.

Globalmente la crescita in questi anni sia in termini produttivi che qualitativi è stata davvero sostenuta ed è innegabile che i vini di questa zona siano di grandissimo appeal, mi piace definirli  “vini di un’isola nell’isola.” 
Tra tutte le etichette presenti ecco 30 tra gli assaggi più convincenti.

selva concetta rosè contrade dell'etna giornalevinocibo

Tra gli Spumantioltre ad alcuni storici classici dell’Etna, mi sono piaciuti quelli dell’azienda Selva Concetta, sia il Brut che il Rosè sono prodotti da uve nerello mascalese, freschi e profondi al naso ed in bocca.

la contea classe 39 bianco contrade dell'etna giornalevinocibo

Tra i bianchi, interessante novità il Classe 39 ’13 La Contea, ottenuto da nerello mascalese 90 % e nerello cappuccio 10% vinificati in bianco,  mostra al naso note di pesca bianca e mentuccia, è fresco ed avvolgente al sorso.

Si esprime bene l’Etna Bianco ’13 di Planeta, particolare al naso con intense note di fiori d’arancio e fruttate di mela renetta, dal sorso ben calibrato tra acidità e sapidità.

filippo grasso anemos bianco contrade dell'etna giornalevinocibo

Il nuovo Anemos ’12 Etna Bianco di Filippo Grasso gioca sulla semplicità del frutto e sull’agilità del sorso, davvero godibile.

Il Millemetri Etna Bianco ’12 Feudo Cavaliere è risconoscibile per le sue caratteristiche olfattive di ricchezza floreale, di frutta bianca fresca, agrumi e nocciola e per la beva che riempie il palato.

Sostanza e struttura caratterizzano l’Etna Bianco Archineri ’12  di Pietradolce mix di fiori e frutta a polpa gialla, sensazioni vegetali e tocchi minerali, bocca piena e sinuosa.

tenuta di fessina musmeci contrade dell'etna giornalevinocibo

Tenuta di Fessina, dopo l’ammaliante carricante ‘a Puddara, propone il Musmeci Etna Bianco ’12 con corpo e struttura, mineralità e toni agrumati in un allungo gustativo di grande prospettiva.

Il bicchiere dell’ Etna Bianco Salisire  di Vivera ’12 è sempre un gran bel bere, naso intenso e ricco, bocca in surplace con fresche note di pesca bianca e speziata mineralità.

L’Etna Bianco ‘12 di Tenuta Monte Gorna convince per i ricordi olfattivi di cedro candito, pompelmo e fiori bianchi e per la bocca tesa nell’allungo.

benanti pietramarina  contrade dell'etna giornalevinocibo

L’Etna Bianco Superiore Pietra Marina ’10 di Benanti è intrigante per l’ olfatto cangiante, ondate di floreale di ginestra, fruttate di  pesca gialla e albicocca, balsamico e mentolato. Bocca fresca, lunga  e dal sapore fitto.

Etna Bianco Ante ’10 I Custodi delle Vigne dell’Etna, ha naso pieno di frutta a polpa gialla e note mentolate, bocca importante, fresca, lunga e sapida.

Nota a parte per il neonato senza solfiti Ciuri di Luna di Valenti da uve Grecanico, decisamente particolare con i suoi sottili toni balsamici, agrumati e speziati.

primaterra rosato contrade dell'etna giornalevinocibo

Tra i rosati l’Etna Prima Rosa Primaterra ‘13 ha toni raffinati di rosa, ciliegia, ribes, tocchi minerali e beva che invoglia al nuovo assaggio.

Intrigante il rosato De Aetna ’13 di Costantino da solo nerello mascalese, caramella di fragola e lampone, spezie e garofano, dal sorso affilato e sapido.

passopisciaro contrade dell'etna giornalevinocibo

5 Cru di Andrea Franchetti ed il Passopisciaro sono ideali per farsi un’idea dell’annata 2013 dei rossi del vulcano . Tra questi il mio preferito, almeno al momento, è il Rampante con la sua elegante fresca intensità olfattiva e gustativa, bello anche il Guardiola con più sostanza speziata, il Chiappemacine è una lama tagliente, lo Sciaranuova, oltre a grande freschezza, mostra più materia nel bicchiere, il Porcaria è il più concentrato e lungo.
Assaggio per ultimo il Passopisciaro, unione di vini delle varie contrade, che già inevitabilmente mostra maggiore equilibrio.

L’Etna Rosso ’13 Tenuta delle Terre Nere è esplosivo di frutto e spezie al naso ed all’assaggio, benchè giovanissimo, è appagante.

falcone aitho contrade dell'etna giornalevinocibo

Interessante debutto dell’Etna ’12 Aitho di Falcone, il naso si apre con una femminilità impersonata da rosa canina appena colta, note di ciliegia e susina, toni minerali e mostra sorso fresco e tannico.

Il Munjibel ’12 di Frank Cornelissen è un assemblaggio di varie vigne, dal bicchiere libera aromi di gran frutto speziato ed ha bocca potente e lunga.

fattorie romeo del castello allegracore contrade dell'etna giornalevinocibo

Altra visione dell’Etna è l’Allegracore ’12 Fattorie Romeo del Castello,  più sottile gioca di finezza ed eleganza all’olfatto ed ha sorso di lunga scia frutto-sapida.

Il Cirneco ’12 di Terrazze dell’Etna ha naso di frutto, erbe aromatiche, salsedine e note fumè, bocca viva e asciugante. 

Gran bel vino l’Etna ’12 di Irene Badalà, piacevolissimo al naso con note di viola, mirtillo fresco e gran speziatura, bocca pepata di forza sapida.

graci arcuria contrade dell'etna giornalevinocibo

L’Etna ’13 Arcuria di Graci emana giovani sensazioni di viola e rosa, ciliegia rossa e gelso, sensazioni vegetali ed  ha trama gustativa di gran registro. L’annata ’12 è più composta con mora di rovo, ribes, liquirizia e cannella che chiudono il fresco lungo finale.

Il Feudo di Mezzo ’12 Girolamo Russo è una girandola di floreale di lavanda e glicine, uniti a ciliegia e tocchi terrosi, ha palato fitto, dal gran tannino, con finale tra ritorni floreali e fruttati.

biondi contrada san nicolo contrade dell'etna giornalevinocibo

L’Etna Contrada San Nicolò ’12 Biondi  è potenza ed eleganzanaso di rosa rossa, fruttato di amarena, cannella, sorso intenso, fruttato e speziato.

E’ una bella espressione di nerello il  Tascante ’10 Tasca d’Almerita, naso vivo di ciliegie e mirtilli, note agrumate e spezie scure, succoso e carezzevole al palato, non tralascia profondità sapida.

Il Musmeci ’10 di Tenuta di Fessina, effonde rosa rossa, mora, erbe aromatiche e spezie fini. Al palato è ricco, con precisi freschi ritorni fruttati tra calore, tannino e note minerali.

Come sempre elegante  l’Etna Rosso N’anticchia ’10 Tenuta Aglea  di Paolo Caciorgna, naso di petali di rosa, vivo frutto, spezie, china e liquirizia. Al palato lavico e pepato dal bel fresco finale. 

L’Etna Rovitello’10 Benanti sfodera rosa canina, fresca frutta rossa, note balsamiche e mentolate, bocca con tannini fitti, calore e freschezza di frutto ne allungano il sorso.

Annunci
10 commenti leave one →
  1. roberto agri permalink
    aprile 25, 2014 10:49 pm

    Grandi i vini dell’Etna!

  2. francesco di stefano permalink
    aprile 26, 2014 11:51 am

    Cresce la produzione , ma è sicuro che cresce la qualità.
    Certo i vini che segnali sonoo sicure certezze, alcuni però non li coinosco…posso stare sicuro che siano di matrice chiaramente dell’Etna?

  3. anna lantini permalink
    aprile 26, 2014 1:10 pm

    Uhh!! interessantissime novità caro Luigi Grazie!!!

  4. sara lacci permalink
    aprile 26, 2014 6:59 pm

    Il mio preferito è sicuramente il Pietra Marina lo bevo da un decennio. Mi incurisiscono alcune nuove etichette in particolare i nerelli vinificati in bianco, li proverò.

  5. simona faldini permalink
    aprile 27, 2014 10:02 am

    Ok Luigi sul 2013 sceglierò Rampante!!!!

  6. cristian j. permalink
    aprile 27, 2014 5:01 pm

    Che sia un gran territorio dove fare vini di livello credo che il mondo lo stia iniziando a scoprire solo adesso, ma noi addetti ai lavori lo sapevamo da un pezzo

  7. thomas c. permalink
    aprile 28, 2014 5:47 pm

    Great wine!! Etna is fantastic

  8. alfredo schembri permalink
    aprile 28, 2014 8:51 pm

    Posso segnalare un gran bel vino, l’etna di Alice Bonaccorsi

    • Luigi Salvo permalink*
      aprile 29, 2014 5:35 am

      Ho assaggiato alle contrade oltre la ’13 anche la ’08 molto interessante!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...