Skip to content

Il riscatto vitivinicolo della provincia ferrarese con due Medaglie d’Oro al concorso Pramaggiore

aprile 10, 2018

di Roberto Gatti
Da due anni a questa parte si registra con molto piacere una rinascita ed un riscatto vitivinicolo della provincia di Ferrara che si anche posizionata di diritto tra le provincie italiane con il maggior numero di eccellenze gastronomiche e prodotti tipici.  L’elenco è lungo ma sicuramente di grande interesse: Acquadelle marinate, Aglio di Voghiera – DOP, Anguilla delle Valli di Comacchio, Bondiola, Cappellacci di Zucca ferraresi IGP, Cappelletti, Caplit, Carota del Delta ferrarese, Ciambella ferrarese o “brazadela”, Cocomero ferrarese, Coppia ferrarese – IGP, Fragola di Lagosanto, La frutta ferrarese, Lumaca, Mandorlini del ponte/ Mandolini del ponte, Melone dell’Emilia, Pampepato o pampapato di Ferrara, Pasticcio di maccheroni, Pera dell’Emilia Romagna – IGP, Pesca e nettarina di Romagna – IGP, Radicchio, Rana, Riso del Delta del Po – IGP, Salama da tai, Salame da succo, Salama da sugo o Salamina – IGP, Salame ferrarese, Salame “Zia Ferrarese”, Tartufo, Topino d’Ognissanti, Torta ricciolina o torta di tagliatelle , Torta tenerina o “tacolenta”, Vini del Bosco Eliceo – DOC, Vongola di Goro, Zabov – Liquore Zabaglione all’uovo, Zucca, Zuppa inglese

L’azienda che si sta distinguendo nel panorama vitivinicolo provinciale e regionale, è Corte Madonnina, già lo scorso anno, con il merlot 2015, denominato Micrologus, il titolare Vittorio Scalambra si era aggiudicato una medaglia d’ Oro, al prestigioso concorso enologico nazionale di Pramaggiore, il piuù antico d’ Italia.

Con la 57° edizione del Concorso di Pramaggiore l’azienda Madonnina ha bissato il risultato dello scorso anno, raddoppiando le medaglie d’Oro, con i due vini presentati, il Micrologus 2016 e Insula Omposiana 2015

Il Micrologus è un merlot delle sabbie Doc 100%, mentre l’Insula Pomposiana ( l’azienda si trova a 200 mt dal complesso monumentale dell’Abbazia di Pomposa) è un blend 50% merlot in acciaio e 50% fortana in botte, a cui è seguito un anno di affinamento in bottiglia, per smussare i tannini del fortana, vitigno autoctono e principe delle sabbie, chiamato in loco anche “ uva d’oro “ !

I nostri complimenti al titolare dell’azienda ed a tutti i collaboratori, per avere raggiunto in appena 4 anni, simili risultati, a dimostrazione che anche in provincia di Ferrara, è possibile ottenere ottimi vini, se in vigna vengono applicate le giuste e mirate tecniche agronomiche, cosi’ come in cantina se vengono seguite ed adottate le moderne tecniche di vinificazione

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...