Skip to content

Pinot Bianco o Weissburgunder fiore all’occhiello della viticoltura altoatesina. Ecco i 25 che abbiamo selezionato

febbraio 3, 2014

pinot bianco  2homedi Antonio Carullo
E’ ben noto che i vini bianchi altoatesini hanno un fascino unico e particolare, si possono annoverare tra i migliori vini bianchi d’Italia e sostandoqualche anno in bottiglia riescono a dare il meglio in termini di piacevolezza. Tra i vitigni che in Alto Adige si esprimono al meglio, vi è il Pinot Bianco. Il vitigno è originario della Germania, oltre che in Francia dove esprime le migliori caratteristiche nella Regione dell’Alsazia, si è diffuso negli Stati Uniti, in America Latina e in Australia.

In Italia ha espresso il meglio di se in particolari terroir della Toscana,Friuli Venezia Giulia, Lombardia eTrentino AltoAdige. Questo percorso qualitativo è iniziato negl’anni Settanta, ai tempi veniva spesso confuso con lo Chardonnay (Pinot Giallo) o veniva chiamato Pinot Verde, anche se coltivato in zona da più di 160 anni. Poi nel decennio successivoa causa anche della moda dello Chardonnay in purezza conosce un nuovo periodo di oblio che si allunga fino ai primi anni del nuovo millennio.

A questo punto succede qualcosa: ci si accorge che il tanto bistrattato Weissburgunder (Pinot Bianco) allevato nelle migliori condizionicon basse rese per ettaro, proprioin Alto Adige poteva ottenere risultati molto rilevantidal punto di vista qualitativo.

vigneti alto adige

Il Pinot Bianco con i suoi 503 ettari di vigneto rappresenta oggi il 16% dell’intera superficie vitata altoatesina ed è suddivisa rispettivamente in: Alto Adige Pinot Bianco (416 ettari coltivati), Pinot Bianco di Terlano (81 ettari) e Pinot Bianco Val Venosta (6 ettari). La crescita qualitativa dell’ultimo decennio è stata impressionante ed ha messo in evidenza la grande sensibilità di questo vitigno ai vari terroir altoatesini.
E’ assolutamente riduttivo parlare di Pinot Bianco altoatesino al singolare: il Weissburgunder di Terlano non ha nulla a che vedere con quello della vicinissima Nals che a sua volta e lontano parente di quello di Appiano Alta o della Bassa Atesina, e quello della Valle Venosta è una vera chicca.

A questa varietà di suoli e di climi si è aggiunta la tradizionale suddivisione dei produttori locali che hanno portato ad una rapida crescita della qualità e una sempre costante e precisa definizione delle caratteristiche dei singoli terroir.

Tra tutti i Pinot Bianco degustati, ecco i 25 più interessanti.

AloisLageder Alto Adige Pinot Bianco Haberle 2012 Azienda sita in Magrè BZ di grande spicco nel panorama altoatesino, con una storia antica e una filosofia produttiva ispirata ad un approccio sostenibile. Pinot Bianco dal ventaglio odoroso che offre note di mela, mughetto, basilico, e fiori d’arancio. Sorso ricco e piacevolmente esuberante incentrato sulla sapidità. Persistenza durevole e piacevolmente saporita. 87/100

BriglAlto Adige Pinot Bianco Haselhof 2012 Da sempre la filosofia di casa Brigl è la massima qualità. Si riscontra pienamente nel calice caratterizzato da uno stile mai omologato a un mercato che richiedi vini spersonalizzati. Richiama frutta a polpa bianca, agrumi, sali minerali, e foglie di salvia. Bocca non scontata, affilata, sapida, e dalla persistenza essenziale ma particolarmente pulita e gradevole. 86/100

Cantina Bolzano Alto Adige Pinot Bianco Dellago 2012 Nel gotha del Pinot Bianco altoatesino. Naso orientato su note di scorza di mela, erba cedrina, ananas, erba falciata, su presenti lampi minerali. La bocca riesce a coniugare struttura e tensione acida rilevante. Eccellente e godibile da oggi, mostra buoni propositi evolutivi. 88/100

Cantina Merano Alto Adige Val Venosta Pinot Bianco Sonnenberg 2012 Altro Pinot Bianco proveniente dalla Val Venosta, incipit affascinante, emergono sensazioni di lime, bergamotto, pesca bianca, il tutto particolarmente accompagnato da tocchi salmastri e rocciosi. Profilo gustativo di straordinaria sapidità e definizione, il finale è un turbinio di agrumi e sali minerali.89/100

CastelfederAlto Adige Pinot Bianco Vom Stein 2012 Un Pinot Bianco ricco e già “pronto all’uso”. Evoca profumi di biancospino, susina, mela smith e tenui percezioni agrumate. L’assaggio è proporzionato sviluppa una piacevole struttura floreale e fruttata con una persistenza piacevolmente sapida. 83/100

Castel Juval Tenuta UnterortlAlto Adige Val Venosta Pinot Bianco 2012 Dall’interessante rilievo, siamo ad un’altitudine compresa tra i 630 e gli 850 metri, radicati su rocce e graniti di gneiss grigio. Questo Pinot Bianco della Val Venosta è veramente unico nei suoi profumi freschi e croccanti, di kiwi, melone invernale, mandorla, lime e gelsomino. In bocca è fresco, rotondo e di discreta struttura con un finale sapido e molto appagante. 86/100

Elena WalchAlto Adige Pinot Bianco Kastelaz 2012 Anche questo Pinot Bianco ha suscitato in noi molta attenzione e curiosità. Fresco nei profumi conquistano l’olfatto percezioni di pompelmo, lichi, mela, vaghe sensazioni di pepe bianco e sali minerali. In bocca è denso, carnoso e sapido,anche se ha fatto un breve passaggio in barrique di 6 mesi, il legno è magistralmente coordinato. Appassionante finale di agrumi e fiori. 87/100

Franz Haas Alto Adige Pinot Bianco 2012 L’azienda detiene l’icona del mondo altoatesino, grande interprete del Pinot Nero, trova  acclamazione da parte della nostra redazione per il Pinot Bianco 2012.Esibisce sentori fruttati di susina, ananas, biancospino, cedro e un guizzo minerale. Corpo vellutato, nobilitato da una certa freschezza, sfuma in piena armonia ed equilibrio 85/100

GirlanAlto Adige Pinot Bianco Plattenriegl 2012 Un Pinot Bianco dal gusto territoriale, dove le caratteristiche del vitigno, legate alle irripetibili condizioni pedoclimatiche, riesco a tirar fuori il meglio. Dal colore intrigante, sfodera caratteri selvatici, piacevoli ed eleganti. Si riconoscono il bergamotto, la pera kaiser, pesca bianca e toni rocciosi. Assaggio bilanciato, sapido, con un elegante persistenza floreale, agrumata e minerale 88/100

Gumphof Alto Adige Pinot Bianco Praesulis 2012 Viticultura eroica quella di Gumphof. Vale la pena segnalare che i ripidi vigneti aziendali, ubicati ai piedi del massiccio dello Scillar, con una pendenza del 50% 70%, necessitano in gran parte di essere lavorati a mano. Pinot Bianco ricco di sensazioni fresche e minerali, sciorina profumi di mela renetta, acacia, gelsomino, pera kaiser, mughetto e ritmi minerali. In bocca da il meglio, abbina cremosità ad una ricca e tesa spalla acido/sapida, il finale è preciso nei richiami gusto olfattivi 89/100

Hofstatter Alto Adige Pinot Bianco Barthenau Vigna S. Michele 2012Qualità senza compressi e altissima reperibilità sul mercato sono le carte vincenti dell’azienda. Un Pinot Bianco che ci ha stregato. Parata olfattiva rappresentata da fiori bianchi, toni minerali, ortica, salvia e piacevoli sbuffi agrumati. Al palato svela una stuzzicante sapidità, capace di ampliare e bilanciare il bagaglio gustativo. 87/100

tre bicchiere Gewurztraminer

Kellerei Kaltern CaldaroAlto Adige Pinot Bianco Vial 2012 Questo Pinot Bianco nasce da un appezzamento posto ad un’altitudine di 500 mt s.l.m. con una produzione di 40.000 bottiglie. Delicato al profumo, molto accattivante profuma di ananas, ghiaia, fiori di campo e salvia. Assaggio sensuale, morbido nei richiami fruttati floreali, ma ben sostenuto da vivida sapidità 86/100

Laimburg Alto Adige Pinot Bianco 2012Stile impeccabile a dimostrare che talento e forza di cooperazione contano. Nel Bicchiere si dimostra ammaliante e profumato. Caramella a limone, melissa, salvia, pesca bianca e sali minerali. Corrispondenza al gusto, con immancabile punteggiatura acido–minerale. 85/100

Lahnhof  Alto Adige Pinot Bianco Firmalein 2012 L’avventura per Lahnhofè recente, siamo ad Appiano. Il tutto è iniziata da pochi anni, nel 2010, ma con l’organizzazione e la messa in opera dell’attività che si avvia all’insegna dei migliori auspici. Cosi come il Pinot Bianco Firmalein 2012, prodotto in ben 7.500 bottiglie. Particolarmente avvolgente il profilo olfattivo. Suggerisce ammalianti profumi di lime, frutta a polpa gialla, polline, incalzante da ammalianti folate minerali. Assaggio dalle ottime sfumature, palesa una fisicità rigorosa e molto affilata. Tra qualche anno darà il meglio 89/100

ManincorAlto Adige Pinot Bianco Eichhorn 2012 Azienda dalle idee chiare, Il Pinot Bianco di Manincor è un intreccio di sensazioni alpine e soffi salmastri/mediterranei. Sequela aromatica composta da fiori di montagna, ananas, scorze di agrumi il tutto rifrescato da sbuffi minerali e sensazioni di calcare e magnesite. Molto intrigante. Candidato dal Giornalevinocibo al podio dei migliori Pinot Bianco D’Italia. Assaggio cremoso, sostenuto e allungato da taglienti ritorni agrumati e dall’inseparabile eco minerale. 91/100

Muri-Gries Alto Adige Terlano Pinot Bianco 2012 L’Azienda oltre ad essere riconosciuta per il suo ottimo Lagrein Riserva, mostra un Pinot Bianco dalle ottime caratteristiche aromatiche. Il profilo è giocato su mela fuji, vaghe sensazioni salmastre e ghiaiose, poi esplode in un connubio di frutta e fiori a pasta gialla. Stuzzicante al palato, si allunga con eleganza in un finale aromatico di mughetto e mandarla. 87/100

Nals Margreid Alto Adige Pinot Bianco Sirmian 2012 Il Pinot Bianco Sirmian 2012 riesce a coniugare un’espressività aromatica a un sorso intenso, minerale e longevo. Rileva fragranze di frutta a polpa gialla, dolci sensazioni di marzapane, mimosa e un eco minerale a contraddistinguere il tutto. In bocca è detonante, giocato su ridondanti percezioni dolci e sapide. Finale affilato, inflessibile e irresistibile. 91/100

Peter Solva &SohneAlto Adige Terlano Pinot Bianco De Silva 2012 8.000 bottiglie per un Pinot Bianco che insegue ricercatezza e da libero sfogo ad intuizioni ai fini della massima qualità. Dispensafragranze di sentori fruttati e floreali, pesca a polpa bianca, erbe aromatiche con punzecchianti tocchi minerali a contraddistinguere l’olfatto. Approccio pieno ma agile, dotato di veemente sapidità, sfuma in un finale di mandorla. 85/100

Schreckbichl Colterenzio Alto Adige Pinot Bianco WeisshausPraedium 2012 Un’azienda che ha ottenuto punteggi elevatissimi negl’ultimi anni, esprime un Pinot Bianco con metodi tradizionali. Evoca profumi di agrumi, mela golden, pesca bianca, mughetto e sbuffi salmastri. Di buon approccio , ha sorso saporito, marcato dall’acidità ma controbilanciato daritorni agrumati. 87/100

St Micheal – EppanAlto Adige Pinot Bianco Sanct Valentin 2011Calice sempre di assoluto valore, indiscutibile per qualità e ricercatezza. Un Weissburgunder che libera sentori di frutta a polpa gialla, agrumi, gelsomino, e nuance boisè. Bocca affilata, pulita e coerente nei ritorni gusto olfattivi, chiude in un finale minerale molto caratteristico. Una piccola sosta in vetro non potrà che dargli maggior sprint. 89/100

St. Pauls Alto Adige Pinot Bianco Plotzner 2012 L’azienda di San Paolo produce 2 Pinot Bianco, noi abbiamo assaggiato il Plotzner e non la Riserva Passion. Sa di agrumi, susina, mandorla ed erbe aromatiche. Sorso teso, fresco e piacevolmente erbaceo. Si allunga in un finale di mandorla amara 84|100

Stroblhof Alto Adige Pinot Bianco Strahler 2012 2012 in grande spolvero Per Il Pinot Bianco Strahler di Stroblhof. L’azienda ultimante ha deciso di non produrre più Gewurztraminer e Schiava a favore di Pinot Nero e Pinot Bianco, varietà su cui l’azienda punta molto. Dispensa aromi di frutta a polpa bianca, glicine, biancospino, e un piccolo tocco quasi fumè. La bocca è pulita e fresca, ma anche ricca e cremosa. Invitante alla beva, durevole la persistenza che sfuma in percezioni rocciosie agrumate90/100

Terlano Alto Adige Terlano Pinot Bianco Vorberg Riserva 2010 Il top della schiera, la Cantina di Terlano in questo senso ha rappresentato la fase pionieristica con i suoi vini dalle straordinarie capacità di invecchiamento, ma è stata poi seguita dall’intero comparto vitivinicolo altoatesino. Dotazione aromatica intensa e dalla straordinaria complessità, si inizia da profumi di mela smith, mimosa, cedro, erbe aromatiche, pistacchio,per terminare con toni decisi, salmastri e rocciosi, veramente un bouquet dall’impatto olfattivo non indifferente. In bocca svela un attacco nervoso e molto affilato, capace di ampliarsi per generosità, ma senza lasciare nell’ombra la sua decisa profondità minerale 94/100

TiefenbrunnerAlto Adige Pinot Bianco Anna Turmnhof 2012Un Pinot Bianco che gioca il tutto sull’eleganza e la finezza. Emergono profumi fragranti di erbe di montagna, gelsomino, pesca bianca, e ricca mineralità. Appagante al sorso, è dotato di viva freschezza, agile struttura e chiude in lungo eco minerale.86/100

Tramin Alto Adige Pinot Bianco Moriz 2012 Dispensa piacere e immediatezza. Nespola, mela smith abbracciano un corredo olfattivo ingentilito da mandorla e fiori di camomilla. Scattante al palato, dotato di detonante freschezza, chiusura impostata su salinità e note agrumate. 85/100

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...