Vai al contenuto

Nell’ultima serata del Caltagirone Film Festival 2021 protagonisti i vini di Tenuta Valle delle Ferle

agosto 17, 2021

di Luigi Salvo
Si è concluso il Caltagirone Film Festival 2021, prodotto dalla Tenuta Valle delle Ferle, con la magica serata dello scorso 6 agosto, ricca di contenuti ed emozioni. Il protagonista della prima parte è stato il vino principe del comprensorio, il Cerasuolo di Vittoria di Collina, con un approfondimento che ha interessato il folto pubblico presente.

La seconda parte ha visto il concerto del maestro Paolo Vivaldi e della sua orchestra, su invito del direttore artistico Sergio d’Arrigo, con l’applaudita esecuzione di importati musiche da film.

Con piacere ho condotto il talk che ha visto sul palco, insieme ai padroni di casa Claudia Sciacca e Andrea Annino, i colleghi giornalisti, sommelier ed esperti, Antonio Iacona, Gianna Bozzali, Dario Costanzo, Giovanni Carbone Fabio Cristaldi e Anastasia De Luca. argomento principe sono state le caratteristiche del Cerasuolo di Vittoria, unica Denominazione di Origine Controllata e Garantita siciliana fatta dai vitigni Nero d’Avola e Frappato, i suoi numeri attuali e le sue grandi potenzialità.

Protagonisti, poi, i vini di Valle delle Ferle: i cento ospiti presenti nell’ampio spazio aziendale dedicato al Festival, hanno seguito con interesse la degustazione guidata del Rosato ’20, fresco e di bella beva con note di violetta e rosa, fruttate di lampone, fragola, ginger, dal sorso teso e lungo.
Il caratteristico Frappato ’18 ricco le di ciliegia, lamponi, carruba, e pepe rosa, dal sorso pieno di frutto che si allunga piacevolmente, ed il campione di razza, il Cerasuolo di Vittoria ’16, che nasce nell’antica vigna “mista” fatta dell’unione del frappato e del nero d’Avola, ricco di sensazioni olfattive di violetta e frutti di bosco, timo e melograno, pieno e di lunga persistenza aromatica intensa.

L’impegno di Claudia e Andrea parte dell’uva selezionata in vigna e raccolta a mano, in cantina i grappoli migliori diventano vino con lieviti indigeni e bassissimo uso di solforosa.
La storia delle vigne, protette e sviluppate su terreni ideali alla loro crescita, impone nei vini il carattere marcato dell’area di produzione, le note aromatiche di vitigni storici di un territorio unico, in cui altitudine, vento e contrasti climatici esaltano la complessa struttura, la ricchezza e l’eleganza del vino.

L’anzianità dei vigneti costituisce un elemento distintivo importante, grazie alla maggiore capacità di esprimere le caratteristiche del territorio di collina ideale per la coltivazione della vite, una forte ventilazione, tipica della zona e gli sbalzi termici accentuati nelle diverse stagioni e tra notte e giorno donano ai vini un corredo aromatico ricco ed elegante che li rende unici.

“Ci siamo innamorati di questo territorio, nel cuore della più antica strada del vino mai individuata, quella che, secondo gli studi dello storico e archeologo Hubert Allen, si estende da Gela-Kamarina, attraverso le colline di Niscemi e Vittoria, fino a Caltagirone, dove i mercanti acquistavano i contenitori di terracotta per i loro prodotti, per poi proseguire verso Lentini e giungere infine a Catania – spiegano Claudia Sciacca e Andrea Annino –, che rappresenta un’eccellenza qualitativa e un unicum storico, non solo siciliano. Siamo attenti alle tradizioni dei vignaioli di un tempo, al rigoroso rispetto del disciplinare e anche alla più moderna tecnologia”.

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...