Skip to content

Top 50 vini di Sicilia del 2013 parte 1: Spumanti e Bianchi

ottobre 1, 2013

top 50 spumanti e bianchiLuigi Salvo e la redazione

Dieci mesi di assaggi nei più svariati contesti, grandi manifestazioni, visite in cantine, riunioni di redazione, la Top 50 degli oltre 1500 vini siciliani degustati nel 2013 vuol essere uno spaccato del meglio della Sicilia enoica, un eccellente affresco del suo trend produttivo. In questi ultimi cinque anni la qualità media dei vini dell’isola si è innalzata notevolmente, tanti i vini che con grande rammarico non abbiamo inserito e che meritavano di essere citati in questa lista dei 50 campioni rappresentativi.

E’ boom nella produzione di spumanti siciliani sia metodo classico sia charmat, ne abbiamo assaggiati una cinquantina, alcuni davvero di gran qualità, altri figli della moda del momento.
Tanti i bianchi davvero di livello, è grande il rinnovato interesse per le varietà tradizionali in primo luogo il Grillo, che si è presentato con diverse sfaccettature nei vari comprensori produttivi.
Il Carricante etneo riesce ad esprimere punte d’eccellenza assolute, tiene botta il Catarratto donando vini di grande interesse. Le varietà aromatiche Malvasia e Moscato vinificate senza residuo zuccherino giocano sulla freschezza, gli internazionali, in genere, si esprimono di gran bevibilità con sempre meno legno.

Tra i rossi eccellenti impera il concento di territorialità, il cambiamento più significativo riguarda il Nero d’Avola, coltivato su tutta la superficie regionale, oggi finalmente, si lega indissolubilmente ai terroir a lui più congeniali e proprio seguendo questo filone l’assemblaggio con le varietà internazionale è diminuito. In gran spolvero il Nerello Mascalese, le antiche vigne dell’Etna donano vini unici ed i risultati negli assaggi sono evidenti.
Il vitigno rosso internazionale che più c’è piaciuto è il Syrah, anche se il Cabernet Sauvignon siciliano ha una gran connotazione. Segnali positivi anche dalla zona Cerasuolo di Vittoria, con una qualità globale dei vini prodotti davvero importante.

Tra i dolci\speciali la lista poteva essere lunga almeno il doppio, con i territor di Pantelleria e Salina sugli scudi, ed alcuni Marsala di pregio.
E’ indubbio che questa categoria di vini siciliani sia di grandissimo appeal in ogni angolo del pianeta.

Tra i vini Top abbaino scelto quattro tipologie e rispettivamente:
4 Spumanti, 18 Bianchi, 23 Rossi, 5 Dolci/Speciali
Ecco gli Spumanti ed i Bianchi:

SPUMANTI

benanti noblesse brutBenanti Noblesse Extra Brut Carricante (Ct)
Un gran bel bere, bollicine finissime e persistenti, sprigiona al naso ed in bocca di sentori evoluti di pesca gialla, nespola, lievito, burro di arachidi. Dalla beva rotonda ed accattivante è ricco di verve acida e lungo finale salino.

.

milazzo brutMilazzo Brut Inzolia\Chardonnay (Ag)
Dall’intensissimo perlage, piace il naso netto e franco con note di crosta di pane, floreali, fruttate di pesca e ananas. In bocca è di struttura e di grande piacevolezza, setoso e cremoso, con viva acidità in sottofondo, dal lungo il finale di frutto e ritorni minerali.

.
murgo extra brutMurgo Extra Brut Nerello Mascalese 2006 (Ct)
Oro ricco di fine carbonica, naso pieno di pan di Spagna, sentori agrumati, pesche e note erbacee. Volume, struttura ed eleganza rendono godibile l’assaggio fatto di morbidezza bilanciata da gran presenza acido\sapida e lunga la persistenza retrolfattiva.

.
Tasca almerita extra brut
Tasca D’Almerita Almerita Extra Brut Chardonnay 2007 (Pa)
Calice luminoso pieno di perlage sottile, ricco ed articolato al naso ed in bocca, aromi di ananas, cedro e pesche, pasta frolla, tostatura di nocciole. La beva appaga di freschezza ed avvolgente rotondità. Inconfondibile.


BIANCHI

baglio di pianetto ficilignoBaglio di Pianetto Ficiligno Inzolia\Viognier 2011 (Pa)
Sorprende per i due vitigni che si integrano davvero bene. Il vino al naso esprime pregiata intensità aromatica di glicine, zagara, susina, melone bianco e speziatura. Bello l’approccio gustativo fruttato e fresco con lunga persistenza di soffi minerali.

.

benanti prietramarinaBenanti Etna Bianco Sup. Pietramarina Carricante 2009 (Ct)
Splendido vino, raffinata sintesi del vitigno e del territorio. Esplode all’olfatto tra sensazioni marcatamente minerali, pietra focaia, erbe fini, timo, salvia, freschezza immediata di pesca bianca e pera. Bocca minerale ricca di ritorni citrini e persistenza di coerenza gusto-olfattiva.

.

barbera coste al ventoBarbera Coste al Vento Grillo 2012 (Ag)
Che carattere e che grinta questo Grillo, dal bicchiere rilascia fragranze delicatamente scolpite di pesca e melone giallo, origano e spezie. Accarezza il palato tra morbidezza e acidità per poi allungarsi con una scia sapida davvero piacevole.

.

caruso minini isulaCaruso e Minini Isula Catarratto 2012 (Tp)
Il vitigno più diffuso in Sicilia riesce a dare punte di eccellenza qualitativa. Isula ha olfatto variegato di glicine e ginestra, pesca gialla, pepe bianco e toni salmastri. Coerente al gusto, dona frutto e calore ben sostenuto dall’acidità, finale denso e persistente.

.

castellucci miano shiaràCastellucci Miano Shiarà Catarratto 2010 (Pa)
Conferma  il  fascino all’olfatto e la persistenza gusto\olfattiva al palato. Bouquet intenso avvolgente e freschissimo di fiori di prato, citronella, pera, caramella al limone, ortica, zenzero ed erbe aromatiche. Incipit teso che poi si fa largo largo con un bel finale fresco, minerale e agrumato.

.
cristo di campobello laluciCristo di Campobello Lalùci
 Grillo 2012 (Ag)
Grillo di nuova concezione e grande intensità, il naso effonde nette sensazioni di mela verde, melone bianco, salvia, note agrumate e minerali. L’ingresso in bocca è ricco di frutto e spezie, caratterizzato da lunga scia di freschezza e godibile sapidità.

 .
de bartoli sole e vento
De Bartoli Sole e Vento Zibibbo\Grillo 2012 (Tp)
Accattivante di profumi intensi e dolci, albicocca, pesca bianca, fiori di arancio e finocchio selvatico. Entra in punta di piedi ed esplode con grande mineralità, perfetto mix di morbidezza e salinità con l’aromaticità dello zibibbo nel bel finale.

.

disisa charaDisisa Chara Catarratto\Inzolia 2012 (Pa)
L’unione dei due autoctoni crea un vino di gran piacevolezza di beva. Chara è ricco di glicine, note frutatte di pesca, agrumi ed percezioni erbacee. Invoglia il sorso con pulizia e freschezza e sfuma lento con precisi richiami olfattivi.

.

feudo cavaliere etna biancoFeudo Cavaliere Etna Bianco Carricante 2011 (Ct)
Finezza e intensità al naso di susina, pesca gialla, basilico e fiori d’acacia. L’ingresso in bocca è pieno, ricco di note di pompelmo, salvia, bilanciato tra calore freschezza e gran sapidità è di grande bevibilità nonostante la sua struttura non indifferente.

.

feudo montoni grillo vigna timpaFeudo Montoni Vigna della Timpa Grillo 2012 (Ag)
La magia di Montoni anche in un bianco. L’altitudine dei vigneti dona nel bicchiere freschi aromi di zagara, ginestra, fruttati di mela e pera, erbe aromatiche, fieno essicato. Bocca piena e coerente attraversata da scia sapida nel finale speziato.

 

fondo antico grillo parlanteFondo Antico Grillo Parlante 2012 (Tp)
A dieci anni dalla suo primo millesimo questo Grillo resta un punto di riferimento per le sue caratteristiche di riconoscibilità e godibilità. Nitidi aromi di ginestra, melone bianco, pesca, mandarino e note erbacee, ha bocca vibrante con chiusura in morbidezza.

.

funaro pinzeriFunaro Pinzeri Grillo 2012 (Tp)
Ricco di frutto e freschezza, si svela netto e  deciso su toni di pesca gialla, agrumi ortica, felce e pepe verde. Carattere sapido in bocca, ma elegante per l’equilibrio d’insieme dato da una morbidezza glicerica, chiude con lungo finale di piacevoli ritorni olfattivi.

.

nerina girolamo russo

Girolamo Russo Nerina Etna Bianco Carricante\a.v. 2012 (Ct)
Esprime al meglio il territorio etneo. Ha ventaglio olfattivo ricco di sensazioni di floreale di ginestra, frutta esotica, erbacee di rosmarino, pietra focaia e mineralità salmastra. Il sorso ha tenacia sapida e agrumata, sfuma fruttato con vivo ricordo di mandorla e agrumi.

.

graci etna biancoGraci Etna Bianco Quota 600 Carricante\Catarratto 2011 (Ct)
Ammalia con il  naso intenso di deliziose note di fiori di acacia e biancospino,  frutta polpa bianca, sensazioni agrumate e vegetali. In bocca colpisce maggiormente, nettamente sapido, corposo e scalpitante ha gran freschezza e finezza non comuni.

.

tarucco colonna

Tarucco Colonna Grillo\Chardonnay 2012 (Pa)
Il Colonna si conferma con forza e continuità. Le sfaccettature svariano dai sentori floreali e fruttati di pompelmo, pesca bianca, mela limoncella, oliva verde e salvia. Al palato alterna sapidità e freschezza agrumata con trama gustativa equilibrata fino all’allungo di persistenza.

.

tasca grillo cavallo delle fateTasca D’Almerita Cavallo delle Fate Grillo 2012 (Pa)
Il vitigno si esprime donando le sue più vere caratteristiche, naso di biancospino, pesca gialla, note agrumate, salvia e pepe verde. Ha bella pienezza di beva, dinamica ed avvolgente coniugando acidità, morbidezza e lunghi ritorni olfattivi nel finale.

.

tenuta di fessina a puddaraTenuta di Fessina Etna Bianco A’ Puddara Carricante 2010 (Ct)
Un gran Carricante, colpisce per la sua intensità olfattiva fatta di ginestra e zagara, frutta bianca matura, spezie, nuance vegetali. Bocca unica caratterizzata dal terroir vulcanico con sapidità spiccata e note affumicate che accompagnano il lungo  incedere finale fruttato .

.

vivera salisireVivera Etna Bianco Salisire Carricante 2011 (Ct)
Per le sue caratteristiche resta a lungo nella memoria olfattiva e gustativa. Ha naso di gelsomino, pesca, sensazioni agrumate e speziate e percezioni minerali. Piace al palato per la freschezza e la pienezza fatta di fruttato e lunga persistenza sapida

 


top 50 rossi e dolci-speciali
Leggi anche  
Top 50 Vini di Sicilia del 2013 Rossi e Dolci\Speciali

 

 

 

 

Scarica la versione completa stampabile della TOP 50 vini di Sicilia 2013

 

Annunci
34 commenti leave one →
  1. franco Feltri permalink
    ottobre 1, 2013 9:25 am

    Bè me ne manca qualcuno!!
    Certo sceglierne solo 50 è dura!!!

  2. Francesca Bassi permalink
    ottobre 1, 2013 9:31 am

    Si è vero il grillo riesce a dare vini piacevolissimi e di grande bevibilità, impensabili sino a 10 anni fa, certo il grillo di Spadafora è il mio preferito

    • Luigi Salvo permalink*
      ottobre 1, 2013 9:34 am

      Ottimo vino!! Impossibile segnalare tutti quelli interessanti non sarebbe stata una Top 50
      Abbiamo scelto quelli che rappresentano per il vitigno storicità, innovazione, peculiarietà, e piacevolezza di beva.

  3. simona faldini permalink
    ottobre 1, 2013 12:18 pm

    Ullalaà quanto ben di dio!! Allora non c’è nessuno che non mi convinca, ma io non disdegno i vini nei quali il legno c’è e si sente perciò onore allo Chardonnay di Planeta.
    Lo so che adesso qualcuno aobbietterà troppo vaniglia!! ma a me piace.

    Per compensare dico che adoro il Grillo di Cantine Barbera, freschezza salina!!!!!!!!!

    • ottobre 1, 2013 12:24 pm

      Cara Simona…..de gustibus, ma ricordiamoci sempre che è il vino che va nel legno…..e non il legno che va nel vino….capittto mi hai ?? 🙂

      • simona faldini permalink
        ottobre 2, 2013 12:15 pm

        Si Ok è vero in alcuni casi è davvero tanto il legno!!
        oggi i vini con meno legno sono più apprezzati ma io non li metto al bando

    • ottobre 1, 2013 5:57 pm

      Grazie infinite Simona 🙂

  4. ottobre 1, 2013 12:26 pm

    Una bella selezione, non li ho degustati tutti ma degli amici Ais di Palermo mi fido ciecamente 🙂

  5. sara lacci permalink
    ottobre 1, 2013 1:07 pm

    L’Alegre di Barone Sergio è un Grillo Moscato da sturbo!!
    Tante new entry ok, però questo manca!!!

  6. lucamantinai permalink
    ottobre 1, 2013 1:15 pm

    Preso appunti, un paio li ordinerò!
    Ciao

  7. andrea saffi permalink
    ottobre 1, 2013 1:22 pm

    Li ho provati tutti ma il Disisa non lo conosco, se sta qui sarà un bel vino.
    Luigi prima o poi lo becco e ti dico.

  8. Rosanna 71 permalink
    ottobre 1, 2013 1:40 pm

    Altri grandi vini secondo me hai voglia quanti possono essere, e! una questione di gusto personale, ad esempio da qualche tempo apprezzo molto ii vini di Pupillo , che qui tra i bianchi non ci sono.
    Solo quattro spumanti mi pare un po poco.

  9. rosario argento permalink
    ottobre 1, 2013 2:40 pm

    Manca qualche cantina eccellente o sbaglio?
    Una selezione …selezione Complimenti!!!!

  10. angelomentani permalink
    ottobre 1, 2013 3:03 pm

    Con tutto il rispetto per alcune guide che ogni anno ritengono che i vini di gran qualità siano i soliti vinoni di cantinoni che non coltivano solo le loro uve, qui mi pare che la scelta sia davvero ponderata….
    e aspetto con ansia i rossi……

  11. Sartori Luca permalink
    ottobre 1, 2013 3:15 pm

    Complimenti per aver fatto una mirabile panoramica di eccellenza dei bianchi in vari distretti produttivi senza gli sbilanciamenti classici del momento su tutti vini dell’Etna

  12. ottobre 1, 2013 4:13 pm

    Comincio ad essere piacevolmente sorpreso dalle “bollicine” siciliane…….alcune ancora non mi convincono ma altre cominciano a dare davvero buoni risultati

    • Luigi Salvo permalink*
      ottobre 1, 2013 4:20 pm

      Si Mirko concordo pienamente, gli spumanti siciliani interessanti di gran qualità sono almeno una decina, abbiamo scelto quelli che più ci sono piaciuti in proprzione di 4 su 50 vini

      • ottobre 4, 2013 11:29 am

        Non so se l’avete degustato, ma lo spumante Luna Y Sol dell’azienda Luna Sicana, merita.

  13. Federic permalink
    ottobre 1, 2013 7:11 pm

    I read with great interest.
    We are very happy for this top 50 of Sicilian wines of your newspaper, gives us the best indications, great leaders always write the same wines.

  14. anna lantini permalink
    ottobre 1, 2013 8:07 pm

    Il primo bianco siciliano davvero buono che ricordo nel lontano 1997 era il Bianca di Valguarnera un Inzolia grandissima. L’ho bevuto quest’estate a Salina che delusione!!!
    Fantastico il Pietramarina, il Grillo di Cristo di Campobello.

  15. ottobre 1, 2013 8:22 pm

    voglio provarli Tutti…!

  16. Gerardo Rossano permalink
    ottobre 1, 2013 9:35 pm

    Indipendente Bravo ed obiettivo come sempre. I blasonati commerciali non sono rientrati …finalmente qualche solista fuori dal coro. Anche a me ha colpito il Chara di DiSisa, ma è cresciuta parecchio in questi ultimi anni.

  17. cristian j. permalink
    ottobre 2, 2013 8:16 am

    Fantastica scelta!!!

  18. Enoflash permalink
    ottobre 2, 2013 10:08 am

    Ok tutti vini buonissimi,
    ma dopo aver cominciato ad apprezxzare finalmente il Sauvignon Blanc siciliano, me lo avete tolto dalla top 50 dei bianchi

  19. mario77rinaldi permalink
    ottobre 2, 2013 10:42 am

    Leggo da qualche tempo il vostro interessante giornale online, questa pubblicazione dei migliori vini di Sicilia è davvero ben fatta, quasi tutti i territori rappresentati, la scelta è dettatata ed è chiaro ed evidente solo pensando alla qualità dei vini e non ad altro ( a buon intenditore poche spiegazioni).
    Quando pubblicherete dei vini rossi?
    Lì il gioco si fa ancora più interessante, nelle pubblicazioni cartacee vengono incensati sempre le solite 5-6 cantine, non ci crede ormai più nessuno alla qualità di quei vini!!!!
    Spero che anche dopo la scelta dei i rossi, qui la mia conoscenza dei vini siculi è molto più ferrata, non cambi idea sulla bontà del vostro lavoro.

    • Luigi Salvo permalink*
      ottobre 2, 2013 10:50 am

      Grazie!
      comunque non credo che tu possa cambiare idea!!!

  20. Fabretti permalink
    ottobre 2, 2013 12:18 pm

    Scusate ma il Giuvà di Tenute Galfano vi dice niente? E’ un gran Moscato

  21. laura impellizzari permalink
    ottobre 2, 2013 11:54 pm

    Ho bevuto tanta Sicilia quest’estate alle Eolie, mi sono piaciuti alcuni moscato vinificati secchi perchè non ne avete inseriti?

    • Antonio Carullo permalink
      ottobre 3, 2013 10:14 am

      I moscati secchi sono una bella realtà siciliana, ne possiamo elencare veramente diversi, abbiamo preferito inserirli nei vini Speciali, che verranno pubblicati a breve, d’altronde siamo davanti ad una Top 50 non è stato facile escludere tanti vini che magari hanno sfiorato di essere messi in lista.

  22. ottobre 3, 2013 8:22 am

    Complimenti per il Vs lavoro veramente impegnativo.cari saluti

  23. Alberto Trotta permalink
    ottobre 3, 2013 10:55 am

    Fantastici!! Nella mia enoteca nella sezione Sicilia ne ho parecchi di questi

  24. ottobre 4, 2013 5:49 pm

    E’ sempre gratificante entrare in una lista di vini selezionati da Luigi Salvo & Co.
    Buon lavoro ed a presto

Trackbacks

  1. Top 50 vini di Sicilia del 2013 selezionati dal giornalista Luigi Salvo | Cuntu

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...