Skip to content

Vendemmia 2016, Catarratto e Nero d’Avola qualità al top a Feudo Disisa

ottobre 8, 2016

vendemmia-feudo-disisa-home-giornalevinocibodi Luigi Salvo
Il momento della vendemmia è un nodo cruciale, si raccolgono i frutti di un lavoro puntiglioso che dura un anno intero. E’ stata un’ottima vendemmia a Feudo Disisa Grisì (Monreale), sono molto soddisfatti sia la proprietà, Mario di Lorenzo, sia Tonino Guzzo l’enologo siciliano più premiato in assoluto a livello internazionale, le energie si sono concentrate puntando al raggiungimento della massima qualità in vigna senza intaccare gli equilibri bio-vegetativi del territorio e le caratteristiche dei vitigni per ottenere vini dalle spiccate caratteristiche varietali.

“La vendemmia 2016 non è stata priva di difficoltà per un andamento climatico altalenante diceMario di Lorenzoa fine vendemmia si tira un sospiro di sollievo: abbiamo portato in cantina uve in splendide condizioni e siamo convinti di aver fatto, anche quest’anno, il meglio. Grillo, Catarratto, Perricone e Syrah sono i vini 2016 su cui punto per l’anno che verrà!”

feudo disisa chara giornalevinocibo
                                                      Mario di Lorenzo e Tonino Guzzo

“La raccolta è stata leggermente anticipata per le varietà a bacca bianca, – racconta Tonino Guzzol’epoca vendemmiale delle uve rosse è stata in linea con l’annata scorsa. C’è stato un leggero calo produttivo solo per il Grillo e il  Nero d’Avola, ma la qualità è cresciuta. Per le uve bianche questo territorio è straordinariamente vocato per il Catarratto, chi lo aveva largamente impiantato qui aveva visto bene, anche il Grillo ha un’ottima performance qualitativa che aumenterà ancora di più con il progredire dell’età delle vigne.”

“Vendemmio entro il mese di Agosto le uve bianche, avendo impostato bene i lavori in campagna e svolgendo tutto secondo regole agronomiche precise, dopo la raccolta l’annata mostra grandi prospettive, il nuovo Chara da Catarratto e Inzolia, che ha conquistato il titolo di miglior vino bianco dell’ultimo concorso di Vinitaly, sarà sicuramente anche con l’annata 2016 un gran vino.”

vendemmia-feudo-disisa-giornalevinocibo

Prosegue Tonino Guzzo – “Ottima l’annata per i vini rossi, il Nero d’Avola ha più intensità colorante, l’andamento siccitoso ci ha dato meno uva, più colore e più tannino con un notevole aumento qualitativo.
Danno soddisfazioni tutti i vitigni, Chardonnay, Syrah Cabernet Sauvignon e Merlot, mi piace sottolineare che il Perricone si è ambientato molto bene in questo comprensorio, la nuova etichetta da questa uva sarà presentata al prossimo Vinitaly insieme ad un nuovo cru di Catarratto.”

La vendemmia si è chiusa a Feudo Disisa con grandi potenzialità, specchio di una Sicilia che cresce nel segno assoluto della valorizzazione dei vitigni storici autoctoni e della conferma dei grandi internazionali.

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...