Skip to content

Arriva la svolta, i cru di Gaja rientrano nella denominazione Barbaresco

luglio 4, 2016

barbaresco gaJa giornalevinocibodi Luigi Salvo
Tra gli addetti ai lavori che più vanno in giro su e giù per la penisola se ne parlava ormai da tempo e finalmente la notizia è stata confermata da Bruce Sanderson di Wine Spectator, con l’annata 2013 il Costa Russi, il Sorì Tildin ed il Sorì San Lorenzo rientreranno nella denominazione Barbaresco. Sono passate ben diciotto vendemmie dalla 1996, era il 2000 e Angelo Gaja decise di uscire dalla denominazione e classificare i suoi vini come Doc Langhe Nebbiolo.

Allora fu molto criticato Angelo Gaja, il disciplinare del Barbaresco evidentemente gli andava stretto e così scelse di far restare nella denominazione il Barbaresco “base”, mentre per i cru scelse la Langhe Nebbiolo, che gli consentiva di poter aggiungere altri vitigni, Barbera, Cabernet Sauvignon, Merlot, Petit Verdot, Syrah, Neretta cuneese e altri tutti raccomandati o autorizzati per la provincia di Cuneo.

angelo e gaja Gaia

Cambiano i tempi e fare marcia indietro è la logica conseguenza, la figlia Gaia sposa questo ritorno ed è pronta per essere al comando dell’azienda simbolo del comprensorio “ I nostri singoli vigneti tornano alla denominazione Barbaresco valorizzando pienamente la loro espressione”

L’ultima annata in commercio del Costa Russi, Sorì Tildin e Sorì San Lorenzo è la 2011, per scelta aziendale nel 2012 non sono stati imbottigliati, la 2013 tornerà Barbaresco.

 

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...